Recensione GoDaddy, tra le aziende più famose nel settore hosting

Il settore hosting ha visto, con il trascorrere degli anni, l’arrivo di un numero imprecisato di aziende pronte a fornire servizi professionali. Già solo in Italia, nell’ultimo quinquennio si è assistito a una crescita importante della domanda degli utenti a cui ha fatto seguito sia l’arrivo di nuovi provider che il potenziamento di chi già era presente nel settore. Tra le aziende storiche, sul mercato da un bel po’ di anni, c’è sicuramente GoDaddy. Anche coloro che si sono poco interessati finora dei servizi web hosting hanno senza dubbio sentito parlare di questo provider, in assoluto uno dei più conosciuti. Si tratta di una società americana fondata nella seconda metà degli anni novanta, che negli ultimi anni ha avviato anche un proprio progetto parallelo in versione italiana. Milioni di clienti in tutto il mondo e una fama che si estende in tutto il globo, con questa nostra recensione GoDaddy avrai a disposizione maggiori elementi per valutarne l’effettiva affidabilità.

GoDaddy, tra i provider più famosi al mondo

Chi segue il mercato web hosting da qualche anno a questa parte ha ormai assimilato il nome GoDaddy, abbinato quasi sempre ai concetti di affidabilità e sicurezza. Stiamo parlando di uno dei colossi del settore, un’azienda che ha dimostrato (e che continua a dimostrare) di meritare tutta la fama che ha. Negli ultimi anni l’azienda americana ha deciso anche di fare il grande salto nel nostro Paese, con la nascita di una “versione Made in Italy” sviluppata appositamente per agganciare gli utenti di lingua italiana, creando così un enorme scompiglio tra gli hosting provider italiani che si sono trovati a fare i conti con un avversario di siffatta notorietà.

Recensione GoDaddy: i servizi

Per testare il polso della situazione, e rendersi conto della veridicità di quanto affermato, basta visitare il sito italiano di GoDaddy. Veniamo subito colpiti dalla pulizia del sito, che si presenta con uno stile minimal e chiarissimo, con pochi fronzoli e una manciata di elementi posizionati nel modo giusto. Al centro della homepage un uomo abbigliato da lavoratore manuale ci lascia percepire subito l’idea come GoDaddy sia pronta a dare una mano al cliente e guidarlo passo passo in ogni singola fase di un progetto digitale.


Fermandoci per ora solo alla homepage, notiamo subito che oltre ai servizi proposti (che analizzeremo nel paragrafo successivo), l’azienda GoDaddy fornisce anche una sorta di percorso guidato per creare un sito con in aggiunta dei consigli di marketing calibrati a seconda del tipo di attività che si sta andando a creare. Una straordinaria opportunità per tutti quegli utenti, soprattutto professionisti e imprenditori, che hanno poca dimestichezza con gli strumenti informatici e che possono così ottenere delle linee guida per ottenere subito risultati con la propria impresa online.

Essere su internet non basta, bisogna anche sapersi muovere per ottenere risultati. Quelli di GoDaddy lo sanno, e si dichiarano pronti a guidare il cliente anche oltre la costruzione del sito.

La nostra opinione sui piani hosting

La pulizia del design, come detto, è la prerogativa del sito GoDaddy. Praticamente impossibile non raccapezzarsi in una vetrina come questa, distante anni luce da gli inutili orpelli che spesso troviamo presenti nei siti di altre aziende. Quelli di GoDaddy hanno capito come l’utente abbia poco tempo da perdere e voglia trovare le soluzioni di cui ha bisogno con una manciata di click. Per facilitare il compito del visitatore, l’azienda ha dunque pensato bene di proporre un’offerta commerciale che potremmo anche definire “scarna” ma che in realtà copre ogni tipo di esigenza, dall’utente privato che vuole creare un piccolo blog all’imprenditore che vuole sviluppare un grande sito aziendale.

Oltre ala registrazione e al trasferimento dei nomi a dominio, e l’ovvia presenza dei nuovi gTLD, segnaliamo anche l’interessante (e utilissimo) generatore di nomi dominio, perfetto per chi non ha le idee chiare ed è in cerca di qualche consiglio professionale su come procedere. In questo GoDaddy si dimostra una delle poche aziende in circolazione, insieme a poche altre come Keliweb, a dare questa impressione di essere disponibili in ogni singolo momento, con un team specializzato pronto a intervenire per qualsiasi evenienza.

Troviamo poi una completa proposta per quel che riguarda i servizi di hosting, con soluzioni di hosting condiviso (Windows e Linux), e anche piani di hosting aziendale per chi necessita di una soluzione più performante per siti di grandi dimensioni. Anche i prezzi risultano essere assolutamente competitivi. L’azienda sottolinea anche come queste soluzioni di hosting siano pronte a supportare ogni tipo di software di gestione, da WordPress (di cui sono disponibili ben quattro piani ottimizzati, a partire da poco più di 7 euro al mese) a Magento, PrestaShop e WooCommerce, per coprire anche le esigenze di chi intende creare un sito e-commerce.

Un piccolo appunto: la mancanza di una sezione dedicata appositamente al commercio elettronico potrebbe creare qualche difficoltà all’utente che non il tempo di girovagare sul sito.

Si passa poi direttamente alle soluzioni per progetti web ancora più grandi e con maggiori esigenze di risorse e libertà di gestione. Ecco qui i piani VPS e le soluzioni di Server Dedicato che, insieme ai servizi per le email professionali (essenziali per il business, come da noi sottolineato in questo articolo) determinano una proposta commerciale magari non ampissima ma che punta all’essenziale, per soddisfare la richiesta di specifiche fasce di clienti.

L’idea che quelli di GoDaddy abbiano le idee chiare è la prerogativa che spiega una buona parte della popolarità del Brand, oltre alla comprovata qualità del servizio offerto.

Un parere sull’assistenza

Questa comunicazione così “scarna”, ma al tempo stesso completa, si conferma anche per quel che riguarda la parte del sito dedicata all’assistenza. GoDaddy mette a disposizione un team di assistenza pluripremiato (così si trova scritto sul sito, un’autocelebrazione che francamente avremmo evitato) con diversi numeri di telefono, utilizzabili a seconda delle zone del pianeta da cui si richiede il supporto. Il tutto viene poi corroborato da una sezione in cui sono presenti delle FAQ, qui definite con il nome Aiuto, che il cliente può sfogliare per trovare autonomamente una risposta ai propri dubbi. In tutto questo quadro semplice ma tremendamente efficace, stride l’assenza di una chat con cui poter parlare con un operatore per richieste veloci.

Da sottolineare invece in maniera positiva il blog GoDaddy, che presente contenuti che non si fermano solo alla tematica hosting ma che spaziano dal marketing digitale ai consigli per gli imprenditori.

Note dolenti

Può un’azienda del genere, con tanti punti di forza, avere dei lati negativi che possano in qualche modo inficiarne l’entusiasta giudizio? A primo acchito si direbbe di no, visto che le opinioni del clienti su Trustpilot parlano chiaro in tal senso. Non vorrete poi cercare proprio il pelo nell’uovo? Certo che sì, altrimenti queste recensioni non avrebbero granché senso. Possiamo però dire che anche dando uno sguardo nelle zone d’ombra, su GoDaddy si trova davvero ben poco su cui obiettare.

È normale trovare qualche feedback non proprio entusiasta, come sempre succede per le aziende con un numero di clienti importante. Anche GoDaddy non scappa a questa “regola”. Possiamo infatti trovare alcune critiche che riguardano l’assistenza, non per quel che riguarda la qualità del supporto ma perché alcuni mettono in risalto come anche l’assistenza venga utilizzata come opportunità per vendere qualcosa in maniera forse troppo “pesante”. Qualcuno lamenta servizi poco performanti, alcuni problematiche con il fattore economico. Un fastidioso rumore di fondo (davvero irrisorio in confronto alla mole di commenti entusiastici) che non scalfisce il ruolo centrale di GoDaddy all’interno del mercato web hosting.

Conclusioni

Possiamo dunque concludere dicendo che GoDaddy merita senza dubbio tutta la stima che ruota attorno al Brand, anche se possono esserci delle “zone d’ombra” tipiche delle aziende che si trovano a dover fronteggiare un carico di lavoro di immense dimensioni. Così come accaduto per altri colossi del settore, pensiamo per esempio ad Aruba (non perderti le nostra opinioni su Aruba), spesso si possono avere tante difficoltà nel garantire una reale vicinanza e supporto costante al singolo cliente, quando si devono prendere in consegna quotidianamente migliaia di richieste. Una delle pochissime note dolenti di un’azienda completa che per il resto viaggia col il vento in poppa.


Condividi sui social

PinIt
submit to reddit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + 20 =

scroll to top