Quale estensione di dominio scegliere

Per creare un sito web bisogna partire da alcuni elementi essenziali, come per esempio il nome. Non è un elemento di poco conto, anzi tutt’altro. Grazie al nome dominio, infatti, un’attività crea una propria personalità. Come si può catturare il pubblico se non si dispone di un’identità online ben definita e che sia in linea con il tipo di attività svolta? Si rischierebbe di girare a vuoto, tenendo distanti le persone e rendendo praticamente inutile l’investimento fatto per lanciare il progetto in rete. Nella scelta del dominio, oltre al nome singolo (per intenderci, la sezione centrale di un indirizzo web del tipo www.hosting-advisor.it) bisogna considerare anche l’estensione (quello che viene subito dopo il punto a destra, ovvero www.hosting-advisor.it). E qui c’è davvero poco da scherzare, visto che si tratta di un elemento decisivo!

Quale estensione di dominio scegliere, i nostri suggerimenti

Con il rilascio nel corso degli ultimi anni delle nuove estensioni gTLD, si sono ampliate a dismisura le opportunità a disposizione. Quando però si ha una vasta scelta, si rischia di andare ancora più in confusione. Ecco perché è necessario sottolineare alcune cose e mettere in chiaro la questione, per dare delle coordinate precise e darti una mano a lanciare una piattaforma online che abbia il nome adatto.

Essendoci centinaia di estensioni a disposizione, quale estensione di dominio scegliere? Roba davvero da perderci la testa, ma niente paura, ci pensiamo noi a darti una mano a sbrogliare la matassa.


Ecco le estensioni su cui puntare

Quelle che stiamo per elencare sono le cosiddette estensioni classiche, quelle per intenderci che vengono utilizzate fin dall’alba dei tempi del web. Nonostante la lunga età, questi TLD sono ancora oggi i più scelti dagli utenti che desiderano creare un nuovo progetto. Continua con la lettura per scoprire quali sono queste estensione e perché dovresti puntare su di esse, una per una.

Dominio .com

Se ti stai chiedendo perché puntare sul .com, ti basti sapere che si tratti dell’estensione più utilizzata al mondo. Nata come estensione per attività commerciali online, col trascorrere degli anni il successo del .com lo ha portato ben oltre i limiti del settore commerciale. Al giorno d’oggi, il dominio .com viene utilizzato per svariate tipologie di piattaforme web. Sostanzialmente possiamo dunque dire come il .com sia una delle opzioni che permettono di costruire un’identità digitale che abbia un’aria rispettabile e affidabile.

Dominio .it

Puntare sull’estensione .it è la scelta migliore per coloro che intendono rivolgersi a un pubblico italiano, che può essere inteso sia dal punto di vista territoriale che linguistico. Se insomma il tuo target è composto da italiani, allora l’idea di creare un sito con estensione dominio .it può aiutarti a definire questa tua “appartenenza nazionale”. Si tratta di una soluzione che può andar bene per qualunque tipo di sito internet, sia che si tratti di un progetto aziendale che di una vetrina personale, blog, magazine online ecc. Per approfondire il tema, leggi il nostro articolo sul dominio .it.

Dominio .net

Se il .it e il .com rappresentano due soluzioni che vanno oltre qualsiasi categorizzazione, per quel che riguarda il .net il cerchio si restringe. Spieghiamoci meglio: l’estensione .net è adatto per i siti web dedicati a tutto ciò che ha a che fare con internet e le nuove tecnologie. Il .net deriva da network, e proprio per questo pensiamo sia lapalissiano sottolineare come non possa esistere estensione migliore per certe tipologie di siti internet. Oltre a definire un ambito innovativo, il .net (secondo solo al .com) ti aiuta a costruire una reputazione di tutto rispetto, essendo percepito come un simbolo di alta affidabilità.

Dominio .eu

Se il .it è una soluzione tipicamente italiana, con il .eu allarghiamo l’orizzonte all’intero continente europeo. Chi dovrebbe allora puntare sul dominio .eu? Senza dubbio tutti coloro che vogliono avviare un progetto web che si rivolge a un pubblico europeo, e che non vada oltre i confini dell’UE. Si tratta di un’estensione che ha goduto di grande fortuna per tanti anni, ma che negli ultimi anni sembra sta incontrando un po’ di difficoltà, molto probabilmente a causa della recente ondata di diffidenza nei confronti dell’Unione Europea. Nonostante questo, il dominio .eu resta ancora oggi un’opzione da tenere sempre in considerazione. Se ne sono occupati i ragazzi di Keliweb in un articolo in cui viene analizzato il calo del dominio .eu.

Dominio .info

Riesci a immaginare un’estensione di dominio migliore per un sito che si occupa di fare informazione? Ebbene, neanche noi! L’estensione .info dona un tono di rispettabilità a chi si occupa di fare informazione, di pubblicare notizie per informare un pubblico specifico a seconda del settore di riferimento. Di qualunque tematica tu voglia occuparti, il .info può aiutarti a dare al tuo magazine online quell’aria di attendibilità che fa la differenza tra una rivista digitale da quattro soldi e una di grande spessore.

Dominio .org

Creato a metà degli anni ottanta, il .org è stato pensato per tutte quelle organizzazioni e/o aziende che lavorano al di fuori dell’ambito commerciale. Più che un’estensione, il .org dev’essere inteso come etichetta grazie al quale tali organizzazioni possono sottolineare la propria serietà, un aspetto che per questo tipo di attività risulta fondamentale.

Domini nuovi gTLD, per una presenza online più originale

Fino a questo momento abbiamo preso in considerazione le estensioni classiche, ma non è l’unica strada percorribile. Come accennato in apertura, ci sono ora centinaia di estensioni disponibili grazie ai cosiddetti domini nuovi gTLD. Si tratta di estensioni che permettono di personalizzare una piattaforma, perché ognuna di esse sottolinea uno specifico settore. Ci sono nuove estensioni gTLD pensate per il commercio, per il business o anche per il settore food e qualunque altro ambito possa venirti in mente.

Insomma, con le nuove estensioni dominio hai la possibilità di creare un progetto che abbia un’identità originale e facilmente riconoscibile.

Conclusioni

Hai deciso che è il momento di creare un sito internet? Bene, allora parti dal dominio e poi passa alla scelta del piano web hosting. Dopo i servizi essenziali per cominciare, puoi costruire la tua attività e pensare a quale strategia di marketing digitale possa aiutarti a crescere nel minor tempo possibile.

Leggi un articolo degli amici di Serverplan per scoprire quali sono le differenze tra dominio e hosting.


Condividi sui social

PinIt
submit to reddit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 − sei =

scroll to top